Gonfiore addominale: eccone gli alimenti responsabili

Alcune volte capita di sentirci gonfi, che è ben diverso dall’avere una sensazione di autentica sazietà: per dirla tutta potremmo aver mangiato poco ma al tempo stesso sentirci pieni e anche un po’ affaticati. Questa sensazione è la conseguenza diretta dell’aver mangiato alcuni cibi che contribuiscono ad aumentare il cosiddetto gonfiore addominale.

Cavoli e broccoli: ambedue le verdure sono molto salutari poichè ricche di vitamina K, C e calcio che svolgono una importantissima azione antitumorale. E’ anche vero però che cavoli e broccoli aumentano la sensazione di pesantezza, ed è per questo che per non eliminarli dalla nostra alimentazione faremmo bene anche solo a limitarne le porzioni.

gonfiore-addominale

Fagioli e legumi in generale: i fagioli ma più universalmente parlando quasi tutti i legumi, tendono a stimolare i gas intestinali. Al tempo stesso però, i fagioli sono ricchi di fibre, proteine e antiossidanti. Come risolvere questa contraddizione in termini? E’ sufficiente eliminare una tossina presente nel chicco, quella che è sostanzialmente la vera colpevole della sensazione di pesantezza: considerando che questa tossina viene rilasciata nei 10 minuti successivi all’ebollizione, ci basterà sostituire l’acqua per procedere alla cottura.

Sale: oltre ad essere causa per eccellenza di parecchi disturbi salutari, il sale è anche all’origine del gonfiore. Se utilizzato in eccesso causa infatti ritenzione idrica con inevitabile rallentamento dei processi digestivi. Cerchiamo quindi di ridurre le quantità di sale con le quali condiamo i nostri piatti, o ancor meglio provando ricette che ne richiedono un uso fortemente limitato!

Mele: che questo frutto se consumato una volta al giorno “tolga il medico di torno” è fatto ormai assodato. Le mele, infatti, oltre ad essere gustose sono anche sane e ricche di nutrimenti, ma pochi di noi sanno che quando non consumate nel contesto di un pasto completo possono stimolare la produzione di gas come idrogeno, metano e biossido di carbonio. Tutta colpa degli zuccheri della frutta e delle fibre che raggiungono la fase di fermentazione.

Bevande gassate e cibi fritti: è un classico. Le bevande gassate contengono anidride carbonica, e in forza di questa loro nota proprietà sono responsabili della produzione di gas e di quella fastidiosa eruttazione. Di pari passo corrono i cibi fritti che essendo ricchi di grassi e sale sono sia difficili da digerire, sia cause stesse della formazione del gonfiore addominale (oltre che dell’aumento di peso indesiderato!).

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *